Perché il sonno è importante per la propria memoria?

Perché il sonno è importante per la propria memoria?

Sai che per poter migliorare la propria memoria è importante dormire? Anzi, non è errato dire che per poter cullare adeguatamente le potenzialità del proprio cervello hai assolutamente bisogno del sonno. E più profondo è, meglio è. Il sonno aiuta a migliorare la memoria procedurale (come fare le cose, come faccio a navigare nel mio iPhone, e così via) e la memoria dichiarativa (come la password del tuo servizio di posta elettronica).

Peraltro, tieni conto che anche i brevi sonnellini da 6 a 45 minuti hanno dimostrato di migliorare la tua memoria. In uno studio condotto all’università di Harvard, gli studenti universitari sono stati in grado di memorizzare coppie di parole non correlate, un labirinto e una forma complessa in maniera più efficace se sottoposti a sonno preventivo. In particolare, a metà del campione è stato permesso di fare un pisolino di 45 minuti, all’altro no. Dopo il test, è emerso in maniera molto chiara che coloro che hanno fatto un pisolino, hanno avuto una spinta nelle loro prestazioni.

Un altro studio ha dimostrato che ottenere un sonno REM (profondo) può aumentare la memoria e le prestazioni mentali del 33% al 73%. Ottenere un sonno profondo aiuta il cervello a consolidare i ricordi attraverso i sogni e il “trattamento associativo”. Tuttavia, lo studio ha anche rivelato che la variabilità della frequenza cardiaca nel sonno profondo ha altresì contribuito in modo significativo all’aumento delle prestazioni della memoria.

Insomma, dormire fa bene, e non solamente al proprio cervello. Prova a tenerlo a mente se vuoi migliorare le tue prestazioni a lavoro!

Share
  • Contenuto non disponibile
    Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"